Raccontare un’altra epoca con il romanzo storico

341650722

Secondo la società angloamericana per la promozione e la difesa del romanzo storico (Historical Novel Society), un romanzo storico, per essere tale, deve essere stato scritto almeno cinquant’anni dopo gli eventi descritti, da qualcuno che all’epoca dei fatti non era ancora nato, e che quindi si è accostato ad essi attraverso le ricerche. Certo un’efficace delimitazione ma come accade per tutte le definizioni non sarà difficile trovare eccezioni. Il romanzo storico vero e proprio nasce in Europa nel terzo decennio dell’ottocento sull’onda dello straordinario successo ottenuto dai romanzi dello scozzese Sir Walter Scott (1771-1832). Walter Scott nella premessa alla sua famosa opera cavalleresca, Ivanhoe, illustra il problema delle fedeltà storica. Nel momento in cui lo scrittore deve calarsi in un’altra epoca e restituirla al lettore, il rigore è d’obbligo, ma è il buon senso a guidare il romanziere. Nel presentare il romanzo che aprirà il cammino al genere, Walter Scott afferma che i caratteri essenziali e i sentimenti umani sono sempre gli stessi, il dilemma ricorrente invece è di sicuro quello di evitare gli anacronismi, ma l’essenziale è il problema del linguaggio. La soluzione che The Words Angels suggerisce agli scrittori che si accostano al romanzo storico è quello di adottare dizionari che riportino la data di nascita delle parola. Passando dalla Scozia alla nostra patria, ripercorrendo il cammino del romanzo storico, scopriamo anche che dopo l’impulso dato dai Promessi sposi, il libro storico nei nostri anni è ritornato di grande attualità e vanta autori popolari.

Il genere storico richiede dunque molto impegno e rigore. Tempo per le ricerche. Noi di The Words Angels prediligiamo le storie ambientate nel Medioevo, periodo messo a fuoco da scrittori come Umberto Eco ne  Il nome della rosa  e autori come Ken Follett  I pilastri della terra, e a voi?

 TWA

Raccontare un’altra epoca con il romanzo storicoultima modifica: 2016-11-07T17:24:06+01:00da thewordsangels
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento